Spostare i files OST e PST su Outlook

in Microsoft Office spesso è necessario personalizzare qualcosa, e ci sono casi, come questo, nel quale il produttore non ha pensato ad una utility facile. In questi scenari occorre lavorare su aree nascoste del sistema operativo, nell'attesa che il produttore rilasci un qualche aggiornamento che ci semplifichi la vita. E' il caso della posta elettronica che si "gonfia" di contenuti nei file PST ed OST. Quando lo spazio sul disco C tende ad esaurirsi, vorremmo spostare il nostro file di archivio postale su un altro disco, ed ecco come procedere.

Per quel che riguarda i files PST basta semplicemente spostare il file, ad outlook spento, ed al successivo riavvio Outlook ci chiederà dov'è andato a finire il PST incriminato, ma per gli OST la situazione è un pò più complessa.

Dobbiamo infatti aprire il registro di sistema, via Regedit, ricercare la chiave HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Office\18.0\Outlook ed aggiungere un valore stringa espandibile (REG_EXPAND_SZ) . Naturalmente il numero 18.0 inserito nella chiave presa ad esempio può variare, quello si riferisce alla versione di Office e pertanto può essere diverso, a seconda della versione installata sul proprio calcolatore.

La chiave che dovremo andare a generare dovrà avere questi parametri:

  • Nome Valore: ForceOSTPath
  • Dati valore: il path dove volete creare i file .OST

E si, perchè il file OST non va realmente spostato, ma piuttosto ricreato. Dopo l'inserimento della chiave infatti, ed il successivo riavvio di Windows, si dovrà cancellare e reinserire l'account IMAP o Exchange ed il file con la cache OST verrà creato nel percorso desiderato.

Blog

A cura dello Staff di Comunicazione

Altre Notizie Pertinenti

in Microsoft Office spesso ......

Spostare i files OST e PST su Outlook

La novità prevista  da Gool......

Novità Android 13

Lasciaci costruire grandi cose insieme a te

P.I.  IT02887920730
Codice SDI: M5UXCR1

Contact Us

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.