Comunicazione ai sensi dir. 2009/136/CE: questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione. L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser

Welcome Windows 10!

Inserito in News-Blog

Cominciamo subito con lo sfatare un mito: l’aggiornamento gratuito la copia di Windows già in esecuzione sul PC dovrà essere originale. Se il sistema operativo di provenienza non è originale, nel passaggio alla versione di Windows 10 la cosa emergerà. Sappiatelo. Le versioni di questo windows sono essenzialmente quattro: Home, Pro, Enterprise ed Education. Se si effettua un aggiornamento ci si ritroverà con la versione occrispondente del nuovo sistema: da Home a Home, e da Pro a Pro. L’unica eccezione la faranno i possessori di Windows 7 Ultimate, che probabilmente (non esistendo un Windows 10 Ultimate) si vedranno consegnare anche loro una versione Pro. Beh, per quanto sia una cosa consolidata, lo scriviamo a beneficio di chi ancora non lo sa: chi arriva da un Windows a 32 bit non potrà fare il salto a 64 bit neanche se il proprio processore è compatibile. L’unico modo per fare questo cambio è lasciare perdere Windows Update, scaricare un’immagine completa da incidere su dvd e reinstallare da capo il sistema operativo perdendo di conseguenza app e impostazioni.  Ultimamente c'è stato un gran discutere su quali nuove caratteristiche verranno ad essere implementate in windows 10, pertanto, fuganto ogni dubbio, è ufficiale che dall’assistente vocale Cortana ai Desktop Virtuali passando per l’utilizzo di Continuum, il browser Edge e il supporto al riconoscimento biometrico di Hello, saranno tutte incluse nel pacchetto base . Per gli amanti del genere, per la prima volta un nuovo Windows sarà venduto anche sotto forma di chiavetta. Nulla di strano in uno scenario dove sono sempre più i dispositivi senza supporto DVD. odo verrà al pettine.

L'aggiornamento a WIndows 10 solitamente avviene tramite una prenotazione, ed appare una icona a destra nella taskbar. Ma se ciò non dovesse avvenire, esiste un metodo alternativo. In primis occorre andar qui e scaricare il file, per poi eseguirlo con i diritti amministrativi. se vien fuori qualcosa tipo verione RTM di Windows 7 e Windows 8.1, così come Windows 8, Windows RT e Windows Phone 8.0, beh, pazienza. queste versioni non potranno essere agiornate. Diversamente il file batch installerà ciò che è necessario, in autonomia, affinche si sia eleggibili per la prenotazione di windows 10.

Abbiamo testato approfonditamente questo nuovo sistema, utilizzandolo in maniera massiccia e sottoponendolo a diversi stress. Diciamolo subito, occorre una macchina recente per sfttuttarlo appieno, tuttavia anche un calcolatore datato potrà beneficiarne, magari senza spingere troppo l'accelleratore, poichè il core code sfrutta meglio l'hardware presente rispetto ai suoi predecessori. Non abbiamo rilevato alcun gap o problematica con i software più blasonati, qualhe applicazione datata richiede privile gi amministrativi, è vero, ma nella sostanza ci sembra un sistema stabile, robusto e performante. Specie in ambiente enterprise, e sfruttando la rete di dominio active directory, windows 10 da il meglio di se. Ci sembra che l'architettura di base sia ancora quella del glorioso windows vista, core 6, ma avremo modo di appurare la cosa nei prossimi giorni.