Comunicazione ai sensi dir. 2009/136/CE: questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione. L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser

Outlook, iCloud e Windows 8.1

Inserito in News-Blog

Per coloro che stanno aggiornando i propri sistemi in questi giorni, ed utilizzano iCloud, c'è un importante operazione da svolgere. La nuova versione di windows 8.1 porta con se molte migliorie del sistema operativo, al di là delle piccole implementazioni grafiche (pulsante start in cima a tutte) il sistema in se risulta molto più organico e strutturato rispetto al già robusto Windows 8.
Tuttavia chi fa uso intenso di iCloud, in particolare contatti e calendari, troverà in questa migrazione non poche rogne da affrontare.
Sullo stesso sito di supporto Apple cominciano a fioccare le richieste di soccorso per colo che, da felici utilizzatori di contatti e calendari sincronizzati fra PC, iPad e dispositivi vari, si ritrovano a non visualizzare più nulla (o quasi).
Accade quindi che, benchè il passaggio a Windows 8.1 sia avvenuto in maniera indolore, anche se il tempo impiegato è considerevolmente lungo, al primo lancio di Outlook 2010 (o 2013) non compaiano più i calendari o i contatti di iCloud e venga restituito il fastidioso errore "cartella non gaggiungibile".
Per porre un freno a questa problematica, come peraltro suggereito da apple, è consigliabile effetuare questi passaggi:
  1. Disinstallare completamente il pannello iCloud
  2. Riavviare il calcolatore con Windows 8.1
  3. Effettuare una pulizia approfondita del registro con CCleaner o altro software similare
  4. Riavviare il sistema
  5. Installare una nuova copia di iCloud e sincronizzare i dati

In tal modo, in tutti i casi sinora registrati, il problema viene risolto e sia i contatti che il calendario ritornano ad essere pienamente fruibili.
Alcune difficoltà si registrano per quelgi utenti che, in ambiente di dominio, non godono dei privilegi amministrativi; in quei casi è opportuno che il system engineer o l'amministratore di sistema prendano in esame il caso decidendo, in base al proprio scenario, come meglio agire.